• french
  • english
  • spain
  • dutch
  • german
  • italy
  • cameroun
  • catalan
doc_logo

Del vino in lattina ! Chi mai ha osato fare ciò?

  • authorDoc Logo
  • dateLun 05 Nov 07
  • comments0

Bert Groenendijk, fondatore della società olandese “La Parada” ci presenta un nuovissimo prodotto concepito dall’azienda “Barokes” .

Questo prodotto: WINE-IN-A-CAN ovvero alla lettera, vino in lattina, è un’esclusiva in materia di imballaggio per il vino…

(Bert, mi scuso in anticipo per il mio scetticismo e per tutte le cose cattive che potrei dire su questo nuovo concetto, ma la mia cultura e la mia educazione francese mi obbligano a pensare che bere del vino in lattina è un’aberrazione… Sono certa che i miei compatrioti saranno dello stesso parere)

In tutti i modi , Wine-in-a-can ™ è sul punto di esser lanciato sul mercato delle offerte e omaggi pubblicitari per aziende. Il prodotto sarà presentato come un « regalo in » (principalmente per gli eventi all’aria aperta) e come una nuova alternativa ai regali di fine anno . Saranno disponibili 6 diversi vini ed il prodotto sarà presentato in pacchi da 4 lattine diverse.

Vediamo un po’ quel che Bert de “La Parada” ha da dirci su questo nuovo e … sorprendente concetto !

Da quanto ci dice Bert Groenendijk, oggi, i consumatori di vino nel mondo adottano un atteggiamento volto al consumo più semplice. Spesso, nelle nuove economie sviluppate, il consumo di vino è visto come una tendenza moderna della cultura occidentale .

In più, Bert spiega che nelle nuove generazioni di origini etniche molteplici l’accettazione di bibite “premix”, o ancora, “pronte da bere” è molto forte, che si tratti di alcool forti, vini o bibite analcoliche. Il premix sarà la bibita della nostra generazione.

Sul mercato delle bibite, afferma, il successo dipende da diverse cose: la bibita deve essere chic, mirata, accessibile e monouso. Wine in a Can (Vinsafe®) fa parte di queste bibite.

Bert ritiene che il prodotto presenti diversi vantaggi per il consumatore, e che i produttori di vini innovativi come Barokes, vorrebbero sfruttare l’enorme potenziale di marketing di questo prodotto con la creazione di una gamma di vini “pronti per l’uso”.

La mia opinione di francese è che il vino è una bevanda nobile che NON DEVE essere trattata come una normale bibita in lattina!

Penso che il vino non sia semplicemente una bevanda, è un’arte di vivere, è la religione degli epicurei.

Vi pare normale di denigrare il vino a tal punto solo a scopi di marketing e per accrescere le vendite ?

Preparatevi tutti ! Da oggi in poi berremo del “Château Lafite 1985” in lattina, guardando una partita di calcio, buttati sul divano. (Da notare, oggigiorno hanno pure inventato degli hamburger al fois gras! Non c’è proprio più rispetto per niente .. o allora sono io che sono arretrata ?)

La mia domanda è: che qualità può avere un vino in lattina ?
Si può far invecchiare il vino nello stesso modo ?
Apparirà la nota “messo in lattina in fabbrica” invece di “imbottigliato a château” ?! (scusate sto esagerando !)

Bert Groenendijk ci spiega che Barokes ha creato e brevettato un nuovo sistema di imballaggio specialmente concepito per il vino :Vinsafe™. Tale sistema offre una protezione e un’impermeabilità ottima al fine di garantire la qualità, la stabilità ed una lunga durata di conservazione del vino (fino a 5 anni).

Questo processo è il frutto di 9 lunghi anni di ricerca e sviluppo, è tutelato dalla proprietà intellettuale, ha il marchio registrato, e i diritti d’autore e brevetti.

Mio caro Bert, ammetto ce l’idea è “fresca”, attuale e di tendenza… Il concetto avrà sicuramente molto successo negli Stati Uniti, in Olanda, … Ma vi supplico non cercate di lanciare questo prodotto in Francia! Sarebbe un disastro!!!

Per ulteriori informazioni, contatta :

Bert Groenendijk
Tel. 010-222.38.68
Cell. 06-1343.7898
www.laparada.nl/barokes
www.laparada.nl

La Parada nuova e ambiziosa società olandese sul mercato degli omaggi e regali d’azienda.

La società si è specializzata in una strategia marketing “innovativa” e “rinfrescante “.

Creata da Bert Groenendijk, ex direttore marketing di Giving Europe, grossista e importatore europeo di oggetti pubblicitari.