Noccioline come Carte da Visita ! - Blog Oggetti pubblicitari
  • french
  • english
  • spain
  • dutch
  • german
  • italy
  • cameroun
  • catalan
doc_logo

Noccioline come Carte da Visita !

  • authorDoc Logo
  • dateMar 25 Set 07
  • comments0


Ma che prodotto strabiliante !!

Si tratta di un’invenzione giapponese che ti dà la possibilità di avere la tua carta da visita stampata su una nocciolina!!


Francamente, non sono poi così convinto che questo prodotto sia tanto efficace al punto da avere nuovi soci in affari! (la vostra carta da visita potrebbe sparire nello stomaco di uno sconosciuto!!)

Ma vediamo un po’ cosa si dice a proposito di questo prodotto : Articolo tratto dal sito internet www.pinktentacle.com

“Per la gente sta cercando di lasciarsi indietro le formali e ormai obsolete usanze riguardo gli scambi di carte da visita in Giappone, Arigatou Co., Ltd., un’azienda specializzata nella vendita di prodotti alimentari incisi al laser, propone le “Taberu me„ carte da visita commestibili stampate su noccioline.”

Fagioli e nocciole incisi al laser – Le carte da visita Taberu Me vengono realizzate usando una punta laser CO2 dell’ Arigatou di prima scelta soprannominata “Shiawase-kun ,” che può incidere fino a 700 caratteri al secondo su materiali organici duri come fagioli, nocciole, riso e pasta e che è stata ottimizzata per stampare, in modo visibile: marchi, nomi e numeri di telefono sulle superfici irregolari dei gusci delle arachidi.

Per quanto riguarda il nome del prodotto, Taberu significa “mangia” e Me potrebbe sia essere o l’abbreviazione di meishi (”carta da visita ”) o la parola inglese “me”, in tal caso Taberu Me vorrebbe dire “Mangiami” — un messaggio che probabilmente non vorresti fosse trasmesso al tuo nuovo socio in affari o ad un primo meeting. Diciamo comunque che un set di 150 carte da visita Taberu Me costa 5,800 yen (circa $50), che poi in realtà sono solo semplici arachidi, tenuto conto dell’impressione finale che darete alle vostre nuove controparti.

Clicca qui per vedere l’articolo su www.pinktentacle.com